Dipartimento Imprese

Si assiste oggi a un ripensamento della concezione dell’impresa e alla diffusa convinzione che essa risponda di obbligazioni di ordine morale le quali, se non precedono, quanto meno affiancano, con pari dignità, le valutazioni relative al profitto.
Il Polo di Biodiritto include tra le proprie aree di ricerca e formazione la relazione tra etica e attività imprenditoriale e il percorso di riavvicinamento che etica ed economia hanno recentemente intrapreso.
I Codici Etici, a condizione che di essi non si faccia un uso strumentale, sono un mezzo essenziale per l’introduzione dell’etica nelle imprese: essi ampliano gli obiettivi, devono prevedere indicazioni dettagliate sulle condotte e le obbligazioni, devono essere accompagnati da ampia e diffusa consapevolezza entro l’azienda. Essenziale è che il Codice Etico non costituisca soltanto una lista di divieti, consistente nel consentire ciò che non è esplicitamente vietato, ma che contenga anche incentivi propositivi all’integrità delle condotte.
Dal punto di vista dell’azienda, come avviene per l’implementazione della qualità, la quale richiede che i manuali siano adattati alle specifiche realtà imprenditoriali, del pari il Codice Etico deve essere uno strumento flessibile in relazione al contesto operativo.
Tuttavia, esso resta un documento inutile se non accompagnato da adeguata formazione, pubblicità interna, condivisione, da procedure di implementazione e diffusione, periodica revisione e perfezionamento, comunicazione agli stakeholder esterni.

Direttore del Dipartimento: Prof. Maria Antonietta La Torre